COME HA FATTO LA VESPA A DIVENTARE UN OGGETTO DI CULTO?

Pubblicato il : 17 Giugno 20202 tempo di lettura minimo

L’iconica icona di stile ha raggiunto l’età di 70 anni e non ha perso nulla del suo fascino e della sua eleganza nel corso dei decenni. Gode di una crescente popolarità in tutto il mondo. Questo successo è certamente dovuto alla fedeltà al progetto originale. Perché il tipico design della Vespa ha contribuito fin dall’inizio all’unicità della “vespa” italiana. Quando il primo modello fu venduto nel 1946, il design non solo era sorprendentemente insolito, ma offriva anche caratteristiche uniche. Tra questi, ad esempio, il corpo autoportante in lamiera, una caratteristica assolutamente unica della Vespa allora come oggi.

L’accattivante pubblicità e il leggendario calendario, pubblicato anno dopo anno in edizione limitata dai primi anni Cinquanta, facevano parte del mito. Poi, come Audrey Hepburn e Gregory Peck nel classico in bianco e nero del 1953 “Un cuore e una corona” su una Vespa a Roma, lo scooter è finalmente diventato un’icona. Era ormai il simbolo per eccellenza della libertà, dell’indipendenza e della rilassata eleganza italiana. Con la Vespa, il proprietario ha vissuto la sua personale “Dolce Vita”.

I club sono stati fondati in tutto il mondo, dove le persone condividono la loro passione. Ha formato la sua affascinante cultura vespa. Curato e nutrito con incontri internazionali che si traducono in una collezione mozzafiato di modelli diversi e mostrano il legame che unisce i fan di VESPA, non solo gli appassionati del retrò e del vintage.

Il progresso tecnologico e il continuo sviluppo hanno creato una varietà di modelli nella storia dello scooter di culto. Alcuni di loro sono ancora oggi richiesti come lo erano il primo giorno. Ma anche i modelli più recenti della famiglia, come la serie GTS 300, stanno rapidamente raggiungendo lo status di culto. Così, il mito dell’oggetto di culto della Vespa vivrà per molti decenni a venire.

AZIONAMENTO A CATENA CONTRO MOTO AXELD DRIVEN
CHE COSA SAPERE SULLA PATENTE PER LA GUIDA DI UNA MOTO

Plan du site